Il bottino!

Finalmente giorni passati a strisciare nel fango saranno ricompensati, tutto quel sangue e quel sudore avranno avuto un senso e tutto sarà bello e luminoso come un tempo…

Forse a questo pensava l’ignaro Race mentre si preparava a gustare il lauto pasto aprendo con le sue avide mani il forziere della strega quando…”BOOM!”

Una runa arcana incisa all’interno sprigiona il suo arcano potere sulle sue mai abbastanza martoriate carni!

A proposito di carne e mani, non potevano certo mancare dei putridi resti umani animati che saltano fuori dal baule desiderosi di morbide prede da graffiare e lacerare…

Comprensibilmente il nostro Tristeratore Arcano decide di andarsene scocciato e anche un po’ offeso mentre i suoi compagni ripuliscono la stanza per poi ricomparire subito dopo per spartirsi il tesoro con la compagnia (cosa che lo offende ancora di più).

I meravigliosi oggetti comprendono dei bellissimi dardi di balestr… no no…coltelli da lanc… no no…giavellot… no no…PROIETTILI DI FIONDA MAGICI (e non voglio che mi si dica grazie).

Tra le altre cose è presente anche un unguento per rendere un’arma (come quella che ha il paladino) magica (come serverebbe al paladino) e più efficace nei critici (ho già detto che sembra faccia al caso del paladino) ma per qualche motivo Wardistran lo considera alla stregua di uno shampoo per calvi.

Una volta identificato l’identificabile i nostri decidono di bruciare le tappe e grazie ai poteri druidici di Patk tagliano maestose pareti di roccia sorvolandole per arrivare il prima possibile davanti al misterioso castello dell’Ordine del drago d’argento…

by Catta

 

Download del podcast